Workshop

Il clown è una figura che vive il presente con tutto sé stesso: essere, stare, credere, vivere il fallimento, scoprire le origini dei gesti, esprimere le emozioni con verità, “nudo” con uno sguardo aperto e in dialogo con l’altro.
L’essenza del clown é trovarsi in una costrizione o difficoltà e farne una risorsa.
Vivendo la difficoltà passa da un’emozione all’altra e da un gioco all’altro, dove lui é il primo a sor- prendersi, fino a trasformare la cruda realtà in altre possibili realtà a noi sconosciute con leggerez- za e comicità.
In questo stage introduttivo l’intento é quello di valorizzare il proprio corpo, sviluppare un ascolto sensibile, conoscerne le sue sfaccettature e i suoi limiti per riconnettersi con la natura profonda di noi stessi, risvegliare l’istinto e la libertà di giocare e di essere folli.
Per far germogliare il proprio clown e la propria comicità stimoleremo l’espressività corpo- rea ed esploreremo la “stupidità” per dare spazio ad una gestualità comica naturale.
E’ così difficile concedersi di essere stupidi nella società umana che se ne se perde il sapore, no- nostante l’essere umano primitivo é molto stupido e ama stupirsi, meravigliarsi e sorprendersi. La stupidità ci apre alla comicità e quindi anche a provocare nel pubblico la risata e/o un’emozio- ne.
Il clown si nutre dello sguardo del pubblico, ed é per me artisticamente un lavoro che ti permette di avere un approccio “vero” con il teatro. Al clown se gli viene chiesto di essere un ballerino di danza classica, lui lo sarà, credendoci fino in fondo e creerà un suo unico modo di essere ballerino di danza classica. Per questo la ricerca del clown é molto personale e unica.
Quello che ci interessa in questo seminario é travolgere e stravolgere il partecipante nell’universo clownesco, per fargli esplorare e gustare questa arte antica della figura del clown.
Sembra assurdo ma il clown é Geniale: il genio, essere acuti di intelletto, che con la creatività tra- sforma la realtà umana in qualcosa di attraente e desiderabile.

QUANDO
23 novembre 2018: h. 19.00 – 22.00
24,25 novembre 2018: h. 10.00 – 17.00

ISCRIVITI


Butoh è la danza della vita. I nostri corpi sono esseri organici, e noi siamo parte dell’universo. Questo workshop, usando una serie di esercizi della danza Butoh (una forma di danza contemporanea che arriva dal Giappone) insieme alla voce, e ad esercizi di movimento teatrale, consiste di movimenti organici liberi che provengono dalla vostra anima. Attraverso l’allenamento Butoh lavoreremo sulle tensioni inutili, sull’autocoscienza, su abitudini e certi concetti del mondo che condizionano la nostra mente, esploreremo non solo il nostro io interiore ma anche la nostra connessione con il mondo in cui viviamo. Il corpo è un contenitore. Svuotare noi stessi è la chiave per cominciare a ricevere. Quando siamo in uno stato di apertura possiamo permettere a noi stessi di danzare e muoversi come spirito con altri esseri viventi,oggetti, spazi e caratteri. Il mio laboratorio “Butoh e movimento per il teatro fisico e gli attori” ha lo scopo di promuovere non solo la pratica stessa del Butoh ma anche un senso di come possiamo applicare questa pratica al teatro fisico. Butoh porta la vibrazione della vita. E la sua pratica sfida i nostri limiti fisici, mentali, emozionali e spirituali. Migliorerà la concentrazione, la capacità di rilassamento, la presenza sul palco, il respiro, la capacità emozionale, la resistenza fisica, la flessibilità, l’immaginazione, l’impegno profondo, e in questo modo sviluppa il vostro proprio “corpo vivente”: potrete avere più esperienze di vita di quelle che fate nella vostra vita di tutti i giorni. Butoh attiva e accresce la vostra energia vitale. Il workshopo incorpora Butoh giapponese, Yoga e basi di ginnastica, movimenti di Trisha Arnold, Linklater voice e recitazione.
QUANDO
Dal 17 al 22 dicembre 2018
h. 10.00 – 18.00

ISCRIVITI


È un livello avanzato che vuole dare continuità al lavoro svolto con Yokko durante il primo stage.
Butoh è la danza della vita. I nostri corpi sono esseri organici, e noi siamo parte dell’universo. Questo workshop, usando una serie di esercizi della danza Butoh (una forma di danza contemporanea che arriva dal Giappone) insieme alla voce, e ad esercizi di movimento teatrale, consiste di movimenti organici liberi che provengono dalla vostra anima.
QUANDO
Dal 2 al 6 gennaio 2019
h. 10.00 – 18.00

ISCRIVITI


Nel suo costante lavoro di ricerca, Eugenio Allegri ripropone, ulteriormente rinnovato, uno stage di Maschera legato alla Commedia dell’Arte italiana, elemento fondamentale dello studio e del lavoro dell’attore, codice di un linguaggio espressivo in continua evoluzione che si misura con la modernità delle forme e con l’attualità dei temi.
Lo stage si rivolge principalmente ad attrici ed attori professionisti e, sulla base di curriculum, ad altri artisti dello spettacolo dal vivo o ad allievi attori.
Da piu’ di 30 anni, Eugenio Allegri, dopo l’incontro con Jaques Lecoq, avvenuto a Bologna nel 1978 e con la frequentazione costante del teatro di commedia, sotto la direzione di registi quali Francesco Macedonio, Dario Fo e Carlo Boso, alterna alla principale attività di attore e regista, quella di pedagogo tenendo workshop di Commedia dell’Arte in Italia e all’estero nelle più importanti scuole teatrali.
QUANDO
6,7,8 febbraio 2019: h. 18.30 – 23.30
9,10 febbraio 2019: h. 10.00 – 18.00

ISCRIVITI


Jon Kellam ha oltre 30 anni di esperienza come attore, regista e insegnante. Attualmente è co-direttore artistico e membro co-fondatore di Zoo District Theatre, membro e ex direttore educativo all’Actors’ Gang. È membro di Ensemble Studio Theatre di Los Angeles, Direttore dei GET LIT Players in L.A. ed è stato appena nominato co-presidente teatrale a CHAMPS Charter Multi Media e Performing Arts High School. Le aziende teatrali con cui ha lavorato a livello nazionale sia come attore o regista includono Steppenwolf, The Organic Theatre, New Crime, The National Jewish Theatre, American Blues Theatre, Absolute Theatre, Baliwick, Chicago Actors Ensemble, Strawdog a Chicago. Playwrights Horizons, PS 122, Lincoln Center, Circle in the Square, Workhouse Theatre di New York City. Il Los Angeles Theatre Center, Open Fist, Sacred Fools, EST LA, Actors’ Gang, Zoo District, Theatre Theatre, REDCAT a Los Angeles e il The Powerhouse Theatre a Brisbane in Australia.
Nel 2008 ha ricevuto una Surdna, borsa di studio per studiare “clown” basato sulla pedagogia di Jacques Lecoq e Yves Lebreton, con Philip Radice dell’Atelier Teatro Fisico e Andrè Casaca direttore artistico del Teatrocart a Torino e Castel Fiorentino in Italia.
QUANDO
Dal 25 al 29 marzo 2019
h. 10.00 – 18.00
(le date e gli orari potrebbero subire delle variazioni)

ISCRIVITI


A breve tutte le info sul workshop dello Special Guest.
IL PROGRAMMA
QUANDO
Dal 29 aprile al 03 maggio 2019
h. 10.00 – 18.00

ISCRIVITI


Workshop degli scorsi anni.

All rights reserved.
Atelier Teatro Fisico © Sviluppato in collaborazione con IOD'A.

Log in or Sign Up